» Stasera a Napoli “Primavera in Alleria”, la serata di beneficenza di Farmaciste Insieme
 

Stasera a Napoli “Primavera in Alleria”, la serata di beneficenza di Farmaciste Insieme

Una stanza multisensoriale per i disabili del centro don Orione di Ercolano. Sarà questa la mission della festa di primavera organizzata dall’associazione Farmaciste Insieme, in programma per oggi alle 20,30 a villa Doria D’Angri, in via Francesco Petrarca, 80 a Napoli. “La serata di beneficenza, dal titolo “Primavera in Alleria” - ha spiegato a Filodiretto Angela Margiotta, presidente di Farmaciste Insieme - in poche settimane ha venduto 600 biglietti e il mio l’auspicio e quello di tutto il direttivo è che si riesca ad aiutare i responsabili del don Orione ad attrezzare, nella struttura di via Vesuvio, un laboratorio multisensoriale destinato a migliorare la qualità della vita ai disabili più gravi. Ringrazio ovviamente i numerosi sponsor oltre che tutti colori che hanno dato il patrocinio come: Federfarma nazionale, Fofi, Federfarma Campania e Napoli. Oltre che Federfarma Servizi e Credifarma”. “È il terzo evento di beneficenza organizzato da Farmaciste Insieme nell’area napoletana – aggiunge Margiotta - in altre due occasioni l’associazione ha raccolto fondi per i bambini ricoverati all’ospedale Pausilipon di Napoli e per i disabili che occupano Villa La Gloriette, che si trova sulla collina di Posillipo, confiscata al boss Michele Zaza”. Più in generale l’associazione Farmaciste Insieme si è distinta nel corso degli anni per aver portato sul territorio una serie di iniziative benefiche, presidiando quando possibile delle aree di utilità sociale. Una su tutte, il Progetto Mimosa, lanciato dapprima sull’area partenopea, ed in seguito in diverse parti d’Italia, reso possibile grazie ad una partnership con la rete Victimology support international observatory and network vision, al fine di sostenere le donne vittime di violenze e che hanno bisogno di ascolto, supporto o semplicemente di informazioni, sfruttando la prossimità della rete delle farmacie territoriali.
 
 

fonte:

Federfarma